STORIA.SanGiorgioDiPiano.Net
Cerca nel sito  

Titolo
- Indici -1
- Introduzione -2
- Prefazione -1
- Testi e Fonti -1
Cap. 1 - Geologia 1
Cap. 2 - Idrografia 1
Cap. 3 - Flora 4
Cap. 4 - Fauna4
Cap. 5 - Uomo 4
Cap. 6 - Cibo7
Cap. 7 - Attività agricole tipiche9
Cap. 8 - Dalle origini ai Romani10
Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana17
Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo10
Cap.11- Vita medioevale 19
Cap.12 -Vita Medioevale: Istruzione9

Titolo



Stemma del Comune 

 

 

Titolo
Autori
Copyright


\\ Home Page : Indice

Capitolo decimo. 2 - La Pianura Padana dopo il 476. Bisanzio e Giustiniano. L'Esarcato ravennate

Di Angela Bonora (del 01/12/2008 @ 13:18:39, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 6115 volte)

 

I lineamenti ambientali tipici della pianura, realtà fisica, geografica e ambientale, sono stati studiati tramite l'analisi della morfologia del terreno, di foto aeree, di fonti letterarie antiche, di documenti scritti altomedievali e della cartografia storica, questa ultima per individuare l’eventuale e attuale presenza del paesaggio antico.

E' la fase di reperimento dei dati archeologici che ovviamente rappresenta il momento più impegnativo e più utile della ricerca.

La bassa pian ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo. 3 - L'invasione longobarda

Di Angela Bonora (del 11/01/2009 @ 08:06:05, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 6180 volte)



Nel 568 l'Italia venne invasa dai longobardi di re Alboino, che entrati attraverso le Alpi Giulie, conquistarono, dapprima Forum Iulii, l'attuale Cividale, costringendo il presidio militare bizantino, in numero esiguo rispetto agli invasori, a ripiegare prima su Grado, poi in successione, su Treviso, Vicenza e Verona.

Fortemente armati, anche gli scudi erano rinforzati da umboni per la carica ai nemici. 

Alboino, decimo re dei Longobardi (567 – 572), nel 568 scese in Italia alla conquista dei territori della pianura padana, che da allora assunse  i ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo. 4 - La società longobarda, la posizione della donna e la cultura

Di Angela Bonora (del 10/02/2009 @ 13:49:40, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 14484 volte)

 

Sino circa al 630 la storia del popolo longobardo non ha fonti scritte significative.

 

Paolo Diacono


Paolo Diacono[1]  l’unico scrittore che documenta le imprese del popolo germanico evidenzia tale carenza , infatti nella sua Storia  scrive a proposito di re Arioaldo, sul trono dal 626 al 636, più di dieci anni, ma non si trovano altre documentazioni scritte delle gesta di tale re e, in quel periodo, i longobardi ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo. 5 - Bononia

Di Angela Bonora (del 15/03/2009 @ 19:37:44, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 4353 volte)

 


Bologna soffrì non poco per le invasioni barbariche.

Bononia, colonia romana, nella tarda età repubblicana e nella prima età imperiale non aveva cinta muraria, ma ripari in legno e 1'abitato s'inseriva gradatamente nell'agro.
Nell'anno 88 a.C., Bononia cambiò il suo stato giuridico e da colonia di diritto latino divenne municipio. I suoi cittadini acquisirono la cittadinanza romana e con essa un più ampio "status politico e giuridico" e la città si trasformò, malgrado le guerre sociali che avevano scosso  Roma dopo la m ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo.6 - I Franchi entrano nella Pianura Padana

Di Angela Bonora (del 31/03/2009 @ 12:31:59, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 5246 volte)

 
Abbiamo parlato dei popoli barbarici provenienti dal Nord Europa e dall’Asia sin  dagli inizi del II secolo d. C. con l’intento di  occupare il suolo della penisola e in particolar modo  la Pianura Padana.  Da quel tempo sino al VIII secolo fu un ribollire di guerre tra popoli diversi e contrapposizioni tra i popoli invasori e i popoli che erano, per ricorsi storici, diventati parte dell’Impero Romano e successivamente delle due giurisdizioni: Impero Romano d’Occidente, quello che a noi più interessa, e Impero Romano d’Oriente.

Spesso invasioni e stanziamenti presentatisi inizialmente come decisivi p ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo.7 - Carlo Magno. Sacro Romano Impero

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 15/04/2009 @ 14:15:57, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 11588 volte)

 Carlo Magno
Come Giulio Cesare ebbe un’importanza storica notevole nella formazione dell’Impero Romano, così pure Carlo Magno (742- 814) è storicamente importante per la formazione del Sacro Romano Impero, che sorse in Europa e si sostituì in parte all’Impero Romano d’Occidente.

La zona di influenza franca, che parte dall’interno del continente europeo per estendersi poi verso occidente, varia al passare dai merovingi ai carolingi. 


I primi  riuniscono popoli germanici dissimili sotto lo stesso pot ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo, 8 - Il Feudalesimo

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 25/04/2009 @ 18:01:50, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 5434 volte)

 
 L’Europa alla morte di Carlo Magno si presentava come nella carta sottostante

 

- in colore verdognolo, il Sacro Romano Impero
- la linea rossa scura delimita invece il Regno Franco all’avvento di Carlo
- attorno al Sacro Romano Impero sono indicate poi le regioni che pur non facendo
  parte di esso ne subivano l’influenza
- la parte italiana, segnata da piccole croci, era il territorio dell’impero amministrato
  dal Pontefice, che per altro aveva propri vescovi nelle prin ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo - Appendice 1: La donna bizantina. Teodora e le altre

Di Angela Bonora (del 28/04/2009 @ 19:08:15, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 7463 volte)


Quando si parla della storia dell’uomo il discorso si accentra sempre  sul guerriero, sul capo, sul politico, sul sacerdote, sull’inventore, sul pittore, sull’operaio…. La storia è …al maschile.
Tranne rare civiltà matriarcali tutto è incentrato sul maschio. Vogliamo spezzare una lancia a favore delle donne che operarono nell’ombra di questi uomini?

Non mi ricordo chi disse: ” Dietro ad ogni grande uomo c’è una grande donna!”, che lavora, che “trama”, che tesse la tela, non solo in senso di tessuto per vesti, ma tesse la tela nel senso di preparare la “trama” e a forza di ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo - Appendice 2: La Corona Ferrea

Di Angela Bonora (del 30/04/2009 @ 17:57:37, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 4173 volte)

 

 

La Corona Ferrea, conservata all’interno del  Duomo di Monza, forgiata in lamine d’oro, ori smaltati a sbalzo e gemme, rappresenta il simbolo del potere nel Regno Italico.
Con essa furono incoronati re, imperatori del Sacro Romano Impero e vescovi.

All’interno ha una striscia di ferro che si dice sia stata fatta con uno dei chiodi con cui Gesù fu crocefisso, da qui l’attributo “ferrea”.  Notizie  sulle origini del cerchio di ferro non sono  documentate con certezza.

Secondo alcune leggende f ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo- Vita Medievale - Introduzione

Di Angela Bonora (del 01/06/2009 @ 13:11:13, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 6101 volte)

 


La vita quotidiana in un qualunque ambiente ed epoca è condizionata dalla natura e dagli individui viventi in quel contesto.
Abbiamo già visto le trasformazioni apportate dall’uomo nel tempo e sulla natura stessa per adeguarla alle sue esigenze e come la natura ha contrastato queste modificazioni anche con fatti gravi come terremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, frane, variazioni climatiche, glaciazioni, caldi torridi, siccità. Mutamenti, questi,  di breve periodo ai quali si associavano mutamenti di lunghissimo periodo, che effettivamente non venivano nepp ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medioevale : 1 - La mensa del contadino e la vita nel contado

Di Angela Bonora (del 30/06/2009 @ 18:24:11, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 6504 volte)

focolare
Nel corso del Medioevo si vede delineare una progressiva emarginazione del mondo contadino.

 Vicenda non puramente sociale, ma soprattutto ideologica.


Nella letteratura dell'alto Medioevo, il contadino assume di volta in volta le forme del
pagano superstizioso, del misera ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo -Vita Medioevale: 2 - La Chiesa: Docesi, Pievi e Monasteri

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 31/10/2009 @ 12:03:27, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 7035 volte)

Montecassino



Volendo parlare della vita medioevale siamo partiti dalla vita contadina, di coloro che lavoravano per sostenere i bisogni dei ricchi nobili, feudatari, divenuti padroni dei terreni che anticamente l’Impero Romano assegnava in colonia ai soldati che avevano partecipato a battaglie e guerre di conquista.

Questa distribuzione di terreni tra i coloni avvenne solo sino alle invasioni barbariche e via via diminuì con l’avvento della casta dei Vescovi Cristiani nei secoli III e IV d.C. con lo sco ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medioevale: 3 -Il Saltopiano

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 17/03/2010 @ 06:33:20, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 4092 volte)

 Il nord-est dell’Italia fu sempre nell’idea espansionistica romana e si rese evidente nel 181 a. C. con la formazione della colonia di Aquileia, cioè con un’iniziativa che vedeva una politica nella parte alta del mare Adriatico e nei fiumi in esso confluenti, iniziativa che si definì ulteriormente con la costruzione di un complesso viario, di cui abbiamo già parlato, complesso che permetteva la penetrazione romana ma manteneva le realtà preesistenti.
Abbiamo anche gi&agr ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo Undicesimo - Vita Medioevale: 4 - Ecco San Giorgio...o meglio...

Di Mauro Franzoni (del 06/04/2010 @ 18:44:07, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 3273 volte)

Perché tanta incertezza nello scrivere il titolo dell’articolo principale di tutto ciò che ci è venuto in mente di evidenziare sulla terra che ora si chiama San Giorgio di Piano?

Vi sarete domandati tante volte: “Ma perché non si parla mai della nascita ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medioevale: 5 - Dal contado alla città, le vie d'acqua

Di Angela Bonora (del 06/05/2010 @ 18:17:20, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 7765 volte)

 In questo nostro tragitto che può sembrare illogico, dal mare alla città, seguiamo l'andare del contadino della Bassa Bolognese e della Valle del Po, che lascia la pianura  per raggiungere la città, per approdare a nuovi lavori al fine di migliorare il proprio tenore di vita. 

Consideriamo pertanto le possibili vie di avvicinamento alla città, volutamente trascurando i residui delle vecchie strade romane, i sentieri impervi, ma soffremandoci sull'utilizzo  di corsi d'acqua, i canali.
Del fiume Reno abbiamo già parlato e ne sbbiamo visto i vari problemi ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medioevale: 6- Il mulino della Ca' Gioiosa

Di Angela Abbati (del 07/07/2010 @ 10:48:06, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 7010 volte)

Situato lungo il percorso del Canale Navile, tra Bentivoglio e Malalbergo (nell’attuale territorio di San Pietro in Casale) l’edificio detto “Ca’Gioiosa” appare già raffigurato in una raccolta di disegni cinquecenteschi, realizzata da Ignazio Danti in base ai suoi rilevamenti del territorio bolognese[1]




                   
Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medievale: 7 - Passare le Mura

Di Angela Bonora (del 07/08/2010 @ 17:36:50, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 8528 volte)

Cosa voleva dire effettivamente per l’abitante della pianura, e anche della montagna, passare le mura?

Veniva da un mondo totalmente diverso e si sarebbe dovuto abituare ad una nuova vita, soprattutto ad un nuovo lavoro e a nuove regole.
Il contadino nato in aperta campagna a contatto con la natura, ma era costretto ad un duro lavoro all’interno della famiglia patriarcale, diretta cioè dall’uomo più anziano, senza alcuna opportunità di migliorare il proprio tenore di vita o di apprendere un lavoro diverso.
L'alternativa era lavorare come bracciante, che raggiungeva poderi diversi ogn ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medioevale: 8 - Innovazioni e invenzioni medioevali

Di Angela Bonora (del 20/09/2010 @ 19:03:03, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 14249 volte)


Volendo parlare delle innovazioni medievali ci si trova dinnanzi ad un rebus non facilmente risolvibile.
La storia medievale, la storia che si svolge in un lasso temporale di circa mille anni, è risultata nel passato scarna, fondata soprattutto sulle guerre e ostilità tra i vari paesi dell’area europea.
Per gli inizi del Medioevo e dell’Alto Medioevo, le notizie si limitavano per lo più a ciò che avveniva nelle corti, nell’Impero e nella Chiesa Romana, dai quali dipendeva lo svolgersi della vita in Europa ed in Italia.
In epoca romana le conoscenze sull’agricoltura, le bonifich ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo undicesimo - Vita Medievale: 9 - Comuni, Borghesia e Signorie

Di Angela Bonora (del 11/10/2010 @ 17:28:34, in Cap.11- Vita medioevale , linkato 4102 volte)


Si può far risalire l’organizzazione comunale medievale al Municipio romano, comunità cittadina legata a Roma, ma priva dei diritti politici propri dei cittadini romani, che aveva conservato i propri magistrati e una certa autonomia amministrativa.
Con l'estensione della cittadinanza romana a tutti gli abitanti dell'impero (212 d.C.), i municipi persero la loro condizione particolare: ora essere cittadini significava essere uomini liberi e partecipare al governo della città.

In età medievale al termine municipio si sovrappose quella di Comune e la cittadinanz ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono -I Romani nella Pianura Padana- Appendice 6: Epidemia nel tempo

Di Angela Bonora (del 12/11/2010 @ 10:06:56, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 3636 volte)

La peste che si ebbe dal 1630 al 1657, con inizio nel 1624 a Palermo, colpì tutta l’Italia. Visto come si diffondeva il contagio, si ebbero fatti particolari specialmente nel Bolognese.
Si diceva che durante la peste del 1630, l’ultima grande peste in Europa, una zona che veniva considerata favorevole per non essere contagiati fosse la campagna attorno alle cittadine dove viveva una popolazione numerosa. Molti abitanti dei capoluoghi si erano trasferiti nel contado, in quelle zone si poteva evitare il contagio.
Ecco quindi la curiosità di spulciare il libro dei morti della Parrocchia di San Giorgio d ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa



Pagine: 1 2 3 4 5

© Copyright 2006-2014 DEPOSITATO SIAE - Tutti i diritti riservati.                                                          Io uso dBlog 1.4
® Open Source