STORIA.SanGiorgioDiPiano.Net
Cerca nel sito  

Titolo
- Indici -1
- Introduzione -2
- Prefazione -1
- Testi e Fonti -1
Cap. 1 - Geologia 1
Cap. 2 - Idrografia 1
Cap. 3 - Flora 4
Cap. 4 - Fauna4
Cap. 5 - Uomo 4
Cap. 6 - Cibo7
Cap. 7 - Attività agricole tipiche9
Cap. 8 - Dalle origini ai Romani10
Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana17
Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo10
Cap.11- Vita medioevale 19
Cap.12 -Vita Medioevale: Istruzione9

Titolo



Stemma del Comune 

 

 

Titolo
Autori
Copyright


\\ Home Page : Indice

Capitolo ottavo. 7 - Invasione Gallica e conquista Romana

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 01/11/2007 @ 20:03:16, in Cap. 8 - Dalle origini ai Romani, linkato 8843 volte)

        
Introduzione

CeltiAbbiamo già parlato [1] delle popolazioni celtiche che raggiunsero la pianura padana come nomadi, tribù indoeuropee affini per lingua, usi e costumi che si muovevano nell'Europa centrale, già nel secondo millennio a.C. e raggiunsero il nostro territorio molto probabilmente alla ricerca di terreni fertili, di cibo.

Forse arrivarono valicando le attuali Alpi ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo ottavo - Appendice 1: Montovolo, Ombelico del Mondo Etrusco?!!

Di Graziano Baccolini (del 05/12/2007 @ 10:22:54, in Cap. 8 - Dalle origini ai Romani, linkato 5542 volte)

Gli antichi Centri Oracolari

I Centri Oracolari[1] erano luoghi sacri in cui si praticavano dei riti che avvicinavano gli uomini ai loro Dei e la loro origine è antichissima risalendo alle prime civiltà umane come quella Sumerica ed Egiziana. Si chiamano oracolari perché spesso i sacerdoti che praticavano i riti davano dei responsi detti anche oracoli che dichiaravano fossero inviati dal Dio a cui quel centro era dedicato. I più noti sono quelli esistiti nell’antica Grecia e il più not ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo ottavo - Appendice 2 : Dalla Fortuna alla Fortuna

Di Graziano Baccolini, Angela Bonora (del 04/01/2008 @ 19:32:36, in Cap. 8 - Dalle origini ai Romani, linkato 4428 volte)


Continiamo a riportare qui interessanti ipotesi di studiosi per rendere forse più attendibile quanto si può accertare ed ipotizzare sul territorio di San Giorgio di Piano.


Graziano Baccolini dai suoi studi riporta:

"Da alcuni anni si è notato[1] che i principali centri dell’antica Grecia si trovavano spesso a distanze, in linea d’aria, uguali da un centro sacro principale (centro Oracolare) che per questo veniva definito anche Ombelico, e marcato con una pietra ovale chiamata Omphalos.

Tra questi i più noti centri O ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo ottavo - Appendice 3: Alfabeto e Scrittura Etrusca

Di Angela Bonora (del 05/02/2008 @ 10:28:50, in Cap. 8 - Dalle origini ai Romani, linkato 7877 volte)


Introduzione

L’uomo arcaico vivendo in comunità più o meno piccole doveva comunicare con gli altri individui della comunità e, se anche vi erano due individui che vivevano isolati tra loro, c’era l’esigenza di comunicare.

Dal primo “Oh!” e poi “Oh, oh! EhEh!” il comunicare a soli gesti o spinte, o lancio di un sasso magari sulla testa del vicino, o picchiando con un bastone su di un tronco cavo, si evolse.

I nostri animali da compagnia, i nostri padroni di casa, si fanno intendere benissimo con un …miagolio, guaito. rumore che esce dalla bocca co ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 1 - Dai Boii ai Romani - Introduzione

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 15/02/2008 @ 07:37:05, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 3596 volte)


Introduzione

I Boii occupavano l'attuale Emilia centrale nel territorio compreso
- ad Est dal fiume Idice,
- a Sud dal crinale appeninico,
- ad Ovest dal fiume Taro e
- a Nord dalle paludi vicine al Po.

Arrivati in tribù sciolte e con intenti di raccogliere nella fertile pianura padana quello che a loro mancava per potersi completamente sfamare, vi si insediarono successivamente praticando scorrerie, distruzioni.
Divennero bellicosi [1], conquistando i territori sino ad allora occupati dagli etruschi.

La zona base per i ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 2 - Dai Boii ai Romani - La conquista romana della pianura

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 01/03/2008 @ 11:41:40, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 4773 volte)


La conquista dell’Emilia da parte dei Romani si concretizza nel 268 a. C. con la fondazione della colonia latina di Ariminum ( Rimini) così chiamata dal nome antico del fiume Ariminus (attuale Marecchia), alla foce del quale si insediarono seimila famiglie a protezione delle eventuali latenti minacce galliche.
Ci si può domandare: perchè i Romani iniziarono la colonizzazione dell'Emilia proprio da Ariminum?
Una ipotesi non del tutto criticabile è che, ponendo una protezione per Roma sulle coste dell'Adriatico, si bloccava tutta quella vasta pianura che era a ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 3 - Reperti archeologici in San Giorgio di Piano e dintorni

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 15/03/2008 @ 19:10:32, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 7906 volte)


L’ipotesi del Rubbiani sulla area della colonia Bononia trova conferma nei ritrovamenti archeologici di grande valore di Maccaretolo in Comune di San Pietro in Casale, subito a Nord di San Giorgio di Piano.

Il primo ritrovamento di cui si ha notizia scritta è del settecento, si tratta del parapetto di un  pozzo datato a chiare lettere all'età augustea.

Rinvenimenti nell'Ottocento di monumenti funerari, steli, capitelli ed altri elementi di pregio architettonico di età romana sono nelle campagne verso Gavaseto.

Arriviamo  agli scavi del 2 ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono - 4: Epigrafi Romane ed altro (segue)

Di Mauro Franzoni (del 20/03/2008 @ 19:09:48, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 3502 volte)


Nella zona di Cinquanta[1] , la più significativa dell’età romana nel nostro territorio, sono stati rinvenuti nel XVII secolo due sarcofagi con le iscrizioni[2]:

 CIL XI, 785 (a) :

T.VENEIO.Q.F.PAULLO
STATIA.C.F.MARCELLA
MATER

CIL XI, 785 (b):

STATIAE.C.F.MARCELLAE
Q.VENEIUS.PROCULUS.NEPOS.F.C.[3]

Dei due esemplari, purtroppo, soltanto il primo è conservato attualmente nel museo archeologico di Bologna.
Ortalli (1991) in “Romanità della Pianura” data questi monumenti fra la ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 5 - Le strade romane in Pianura

Di Angela Bonora (del 31/03/2008 @ 20:03:11, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 10494 volte)



Abbiamo già parlato dell’importanza delle strade nei territori abitati o di transito in tempo etrusco.
Nelle nostre zone già gli Etruschi avevano dato un grosso impulso alla costruzione di strade, ma furono i Romani che valorizzarono anche le vie minori: le comunicazioni secondarie e locali conobbero notevole incremento sotto la loro dominazione.

Bononia era un punto nodale di alcune strade consolari assai importanti come la via Æmilia, da Ariminum a Placentia. Altra strada importante nella Pianura la via Annia per Padum,verso sud, che si biforcava a Vicus Serninus, identificato da alcu ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 6 - Contado Romano in Pianura Padana

Di Angela Bonora, Mauro Franzoni (del 10/04/2008 @ 12:44:29, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 7980 volte)


La vita rurale, se ad un primo impatto sembra semplice (secondo alcuni "sempliciotta"), ha invece una struttura complessa.
Il condato ha presso di sé, ed acquisiti, valori che non mutano tanto facilmente.

Il rapporto con mondi che si diversificano da esso non lo trasforma tanto rapidamente, e non perchè la società rurale sia chiusa rispetto la società urbana.

Dall'età romana, dal medioevo, e sino al 1800 (età industriale) tanti furono i rapporti tra le due società, rapporti economici, politici, dimostrabili nel lavoro che veniva attuato nel contado ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono. 7 - ... e Giulio Cesare? ma qui ci si dimentica di Giulio Cesare!

Di Angela Bonora (del 15/04/2008 @ 19:10:46, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 8335 volte)

...volutamente....? Ma non passò mai nei nostri territori? 

Cesare Dittatore


Quasi un millennio di potenza Romana sui nostri territori …e ci sembra giusto parlarvi dei fatti più salienti per capire meglio quello che poi implicò la Pianura Padana all’origine della cittadina stessa di San Giorgio, da prima gruppo sparso di case, piccoli villaggi e poi ente pubblico con tutte le funzioni burocratiche sino ai giorni nostri.

La Pianura Padana e la Pianura Bolognese, più specificatament ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono . 8- L'Impero Romano

Di Angela Bonora (del 25/04/2008 @ 07:23:42, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 12666 volte)



(Quando ci si imbarca nella storia il guaio più grosso è quello di diventare noiosi nel ripotare i fatti.

La Storia dell'Impero Romano con tutta la sua "imponenza e tanti Imperatori" è importante...ma si rischia di perdersi nella marea dei nomi e dei luoghi...5 secoli, quanti Imperatori?

Ma se voglio arrivare a parlare della nascita di San Giorgio di Piano e coerentemente seguire  un profilo logico, non posso non parlare del periodo imperiale in Pianura e dell'importanza della bassa bolognese in quei tempi,
ma come fare senza annoiarvi...

cari amici, saltate qu ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono . 9- Caduta dell'Impero Romano d'Occidente. Cristianesimo. Invasioni Barbariche

Di Angela Bonora (del 03/05/2008 @ 12:18:32, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 7866 volte)



 Se si vuole fare un bilancio della disfatta dell’impero Romano d’Occidente bisogna andare ad analizzare diverse cause concomitanti.

Non si può come fanno molti storici imputare la disfatta alle sole invasioni barbariche.

Roma era già pronta a cedere quando cadde l’Impero Romano d’Occidente.

Cause politiche

Non esistevano più Imperatori guida dei valori tradizionali di cultura e di civiltà, ma patrizi desiderosi di fama e non validi all’amministrazione del bene pubblico come i primi Imperatori.

Solo alcuni di quelli che ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Semplicemente...una vita

Di Angela Bonora (del 14/05/2008 @ 18:11:01, in - Introduzione -, linkato 3135 volte)


Nello scrivere la Storia di San Giorgio di Piano, più volte mi sono sorpresa a ragionare sul sottotitolo  "Storia della Bassa Bolognese..." chiedendomi cosa mancasse a tutto l'insieme, la storia mi sembrava incompleta.

Poi un giorno mi si è accesa la luce. Mancava l'eroina della storia.

Quale eroina scegliere, una donna del passato? una etrusca, una romana, o una donna in crinolina...?

...io la storia di vita vissuta, l'eroina l'avevo dentro al mio computer, era l'intervista fatta ad una vera donna della Bassa.
Non poi tanto indietro nel tempo, nel 1997, avevo intervistato u ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono - Appendice 1 : Due battaglie determinanti

Di Angela Bonora (del 20/05/2008 @ 18:08:04, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 3295 volte)


Vogliamo qui parlare delle principali battaglie ingaggiate tra Galli e Romani per il possesso della Pianura Padana.

Con la vittoria di Sentino del 295 a.C., Roma inizia ad affacciarsi  all’Ager Gallicus.
La battaglia di Sentino, località a metà strada tra Ancona e Perugia, tra i  Galli Senoni e Sanniti contro i Romani e i loro alleati latini, culminata in una sconfitta inaspettata per i Galli  prepara la conquista da parte di Roma dell’Italia Settentrionale.
I Romani, forti dell’alleanza stipulata con con gli Aretini e i Piceni e della spedizione punitiva in Et ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono - Appendice 2 : Bonifica Romana della Pianura Padana…

Di Angela Bonora (del 01/06/2008 @ 09:12:05, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 5484 volte)


Su quanto abbiamo scritto sinora viene alla mente una domanda:
perché i Romani riescono a sistemare meglio il territorio agricolo rispetto ai popoli precedenti e a quelli che li seguirono?

Non si parla qui di Etruschi popolo molto avanzato e “godereccio” che aveva fatto di tutto per rendere fertile la campagna appena fuori da Felsina, per poterne usufruire i frutti, ma di popoli che precedettero gli Etruschi o che li seguirono e li scacciarono da quelle terre, di popoli non stanziali che abitavano saltuariamente la pianura e che poi ne fecero la loro abituale dimora o la lasciarono.

....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa

Capitolo nono - Appendice 3 : Baratto, mercato, valore-prezzo, moneta

Di Angela Bonora (del 16/06/2008 @ 10:46:29, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 3426 volte)


portamonete in legno


Nei vari capitoli precedenti abbiamo parlato dell’ambiente, degli abitanti autoctoni, degli invasori provenienti da varie parti, di usi, costumi, e delle coltivazioni, allevamenti e lavori che venivano attuati nel nostro territorio in periodo arcaico, poi celto, etrusco, boico e infine romano.

Brevemente ci siamo soffermati sui mercati, dove le merci, che erano il legame più forte tra queste popolazioni, venivano scambiate.
Nel parlare di mercati abbiamo accennato ai borghi e poi citt ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono - Appendice 4: Istruzione, famiglia, educazione presso i Romani

Di Angela Bonora (del 08/08/2008 @ 20:18:35, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 6239 volte)


Istruzione significa far proprio l’evolversi della cultura nel corso dei secoli in tutti i campi, scientifico e umanistico, far proprie le conoscenze ed esperienze di qualunque tipo esse siano che si trasmettono da un individuo ad un altro nel trascorrere dei tempi.

Lo studio della storia antica non è solo ricordare eventi del passato, ma soprattutto acquisire un complesso  di conoscenza, di informazioni e di esperienze avvenuto tra le varie generazioni dei nostri antenati.

Nella romanità non esisteva un'istruzione di massa, chi deteneva il potere considerava la coltura un’ ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo nono - Appendice 5 : Alcune considerazioni sull'eredità di Roma...

Di Angela Bonora (del 19/08/2008 @ 17:20:40, in Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana, linkato 5410 volte)

Roma Imperiale

Pianta di Roma in Epoca Imperiale
I principali monumenti attorno al Foro: il tempio di Giove Capitolino (1),
la Rocca del Campidoglio (2), il Tabularium (3),la Basilica Emilia (4),
la Basilica Giulia (5), il Tempio di Vesta (6), La Basilica di Massenzio e Costantino (7),
il tempio di Venere (8), il Palazzo di Tiberio e Calligola (9), Il Palazzo dei Flavi (10),
il Teatro di Marcello (11) 

 


Numerose generazioni hanno coltivato l’id ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa


Capitolo decimo. 1 - Invasioni Barbariche

Di Angela Bonora (del 12/09/2008 @ 15:07:20, in Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo, linkato 5695 volte)



Abbiamo introdotto già nell’altro capitolo le invasioni barbariche in Italia, coesistenti al Cristianesimo e alla debolezza interna del potere romano, come una delle cause più importanti, fautrici della decadenza e della caduta dell’Impero Romano.

Questi tre principali fattori furono messi in discussione dai letterati, dagli storici, dagli artisti, dagli studiosi per secoli.
Abbiamo analizzato le cause e siamo dell’idea che Gibbon nella sua Storia della decadenza e della caduta dell’Impero Romano, arrivasse, a metà del 1700, a mettere una parola decisiva tra le continue ....

Articolo LEGGI  Storico Indice Stampa Stampa



Pagine: 1 2 3 4 5

© Copyright 2006-2014 DEPOSITATO SIAE - Tutti i diritti riservati.                                                          Io uso dBlog 1.4
® Open Source