STORIA.SanGiorgioDiPiano.Net
Cerca nel sito  

Titolo
- Indici -1
- Introduzione -2
- Prefazione -1
- Testi e Fonti -1
Cap. 1 - Geologia 1
Cap. 2 - Idrografia 1
Cap. 3 - Flora 4
Cap. 4 - Fauna4
Cap. 5 - Uomo 4
Cap. 6 - Cibo7
Cap. 7 - Attività agricole tipiche9
Cap. 8 - Dalle origini ai Romani10
Cap. 9 - I Romani nella Pianura Padana17
Cap.10 - I Barbari ... Alto Medioevo10
Cap.11- Vita medioevale 19
Cap.12 -Vita Medioevale: Istruzione9

Titolo



Stemma del Comune 

 

 

Titolo
Autori
Copyright


\\ Home Page : Scritto STORIA.SanGiorgioDiPiano.Net - Angela Bonora: Capitolo terzo - Appendice 1: Carta delle terre della pianura

Capitolo terzo - Appendice 1: Carta delle terre della pianura

Di Angela Bonora (del 28/10/2006 @ 08:07:08, in Cap. 3 - Flora , linkato 4175 volte)


I più recenti studi sul territorio italiano hanno permesso, con un progetto iniziale “Coodinamento settore suolo” L.R. 28/98, a cura di i.Ter, di elaborare una Carta dei Suoli di Pianura , e da essa estrarre la Carta delle terre della pianura bolognese, per cui si può parlare della tipologia dei suoli e in base ad essa della vegetazione attuale in tale area.

Nella preparazione di tali dati San Giorgio di Piano entra con la rilevazione, sia dei suoli esistenti e delle coltivazioni attuali, sia come elemento della Progettazione Ecologica del Territorio nei tempi futuri.

Dagli stralci della carta sotto riportati si nota che il territorio sangiorgese è composto da tre distinte qualità di suolo:

- la maggior parte, situata nel centro e lati del paese e lungo la direttrice e i lati della provinciale Galliera, sono suoli a tessitura media, ben drenati, con scarso contenuto in calcare attivo (giallo chiaro in mappa)
- attorno a questa i suoli sono a tessitura fine con disponibilità di ossigeno moderata (rosa in mappa)
- una parte, verso Gherghenzano e San Benedetto, risulta formata da suoli a tessitura media, con ristagno idrico.

 I dati in Carta sono stati ottenuti con rilevazioni su tre aree di cui riportiamo solo le linee essenziali, non essendo il nostro scopo lo studio del terreno e rimandiamo per approfondimenti alle pubblicazioni on line della Regione Emilia Romagna. [1]
Le aree rilevate hanno nomi che un abitante di San Giorgio riconosce subito e riportiamo la tabella sintetica di lettura abbastanza facile:


Sigla Nome del suolo Descrizione sintetica
CTL3 CATALDI franca argillosa limosa, 0,1-0,2% pendente I suoli “Cataldi franca argillosa limosa, 0,1-0,2% pendenti” sono molto profondi e moderatamente alcalini; sono da scarsamente a moderatamente calcarei ed a tessitura franca argillosa limosa nella parte superiore; da moderatamente a molto calcarei ed a tessitura franca argillosa limosa e franca limosa in quella inferiore.
PIS1 I PILASTRI franca argillosa limosa I suoli “I Pilastri franca argillosa limosa” sono molto profondi, moderatamente alcalini, moderatamente calcarei e a tessitura franca argillosa limosa nella parte superiore, molto calcarei e a tessitura franca limosa o franca argillosa limosa in quella inferiore.
SGR2 SAN GIORGIO franca I suoli “San Giorgio franca” sono molto profondi, moderatamente alcalini, a tessitura franca; scarsamente o moderatamente calcarei nella parte superiore, molto calcarei in quella inferiore.

                 

Le sigle riportate permettono di individuare le zone di rilevazione sulla Carta, come nelle porzioni di carta qui riprodotte.



Riportiamo sempre dalla stessa fonte, qui di seguito, alcune indicazioni relative ai suoli indicati.


Ambiente
:
La delineazione si trova nella piana a copertura alluvionale in ambiente di argine naturale prossimale. L'uso del suolo è prevalentemente a colture arboree (drupacee e pomacee)


Suoli presenti
:
Nella delineazione sono presenti:

-i suoli CATALDI, tipo franca argillosa limosa, 0,1-0,2% pendente (moderatamente frequenti) si rinvengono principalmente negli argini naturali distali

-i suoli I PILASTRI, tipo franca limosa argillosa, (poco frequenti) si rinvengono in prossimità delle valli alluvionali

-i suoli SAN GIORGIO, tipo franca, (poco frequenti) si rinvengono sui depositi di argine naturale prossimale e di rotta.


Questa ultima informazione conferma l'individuazione dell'alveo del primo  Reno in zona San Giorgio


 

       Cataldi Cataldi


 

      S.Giorgio            Stiatico - San Giorgio

 

 

       San Giorgio S.Giorgio

       Pilastri                Pilastri - Gherghenzano

__________

[1]L’ultima versione, della R.E.R - Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli consultata data 27/04/2004.



Articolo Scritto  Storico Indice Stampa Stampa
© Copyright 2006-2014 DEPOSITATO SIAE - Tutti i diritti riservati.                                                          Io uso dBlog 1.4
® Open Source